Milano, le luci natalizie, un ombrello giallo.

Milano, le luci natalizie, un ombrello giallo.

Dicembre 16, 2019 3 di Bruno Ghirarduzzi

16 dicembre 2019 Milano

Una promessa è una promessa.

Ambra ed io ci eravamo ripromessi di tornare a Milano nel periodo delle feste natalizie e per la lei, per la prima volta l’utilizzo del “Freccia Rossa”.

Dicono, che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, ma questo non vale per Noi. Si dice, si fa, semplicemente.

Alle 10.00 siamo sulla banchina della Stazione “Mediopadana” a Reggio Emila AV. Emozionati, contenti, così come si può essere felici, sapendo già che ci aspetta una giornata bellissima.

Ambra, scatta qualche foto dal cellulare. la Freccia rallenta, saliamo.

“Si parte” esclamiamo sorridendo.

Il treno accelera, in un batte d’occhio il display posto nel corridoio indica la velocità di 299 Km h. Sull’autostrada che scorre al nostro fianco, le auto sembrano ferme. Tutto scorre veloce, in mezz’ora siamo a Milano Rogoredo, e, pochissimi minuti dopo , Milano centrale ci accoglie.

Maestosa e caotica come può esserlo la stazione di Milano… scendiamo. Ambra e’ attirata da uno “Stand” di “Victoria’s Secret”, vorrebbe andare via, alla fine su mia insistenza entriamo, tutto bellissimo,tutto molto ” proibitivo per le sue finanze… ride lei , scherzando. Prendiamo la Metro “M2”, direzione “Portineria 14”, breve sosta in un piccolo bar per una colazione e subito dopo, Francesca con il suo sorriso ci accoglie nel suo locale vicino a Porta Ticinese. Ambra come sempre, ha acquistato la “Spesa del giovedì”, una delle tante bellissime iniziative di questo locale fantastico. Ogni giovedì vengono raccolti beni alimentari da distribuire ai più bisognosi. Ve ne fossero di luoghi come “Portineria 14” e persone come Francesca ed Ambra. Un saluto, un abbraccio e siamo sul tram numero 13, destinazione Duomo. Scendiamo ed inizia a piovere. Cambia qualcosa…??

Assolutamente no, un piccolo ombrello giallo (una punta di colore nel grigio di Milano), acquistato nei pressi della stazione e ci avviamo verso l’albero metallico innalzato sulla piazza. I led, ora rossi, ora azzurri, lo rendono ancor più scenografico. Possiamo non passarci sotto? No. Ridendo come bambini, ci avviamo verso la galleria, la piazza, il Duomo, le bancarelle con il loro fascino. Una pizza veloce in piazza della Liberty, in un locale elegante a 50 mt. dal Duomo, poi si scende nell’ Apple Store, sotterrano ed immenso.

Tornati in superficie, i manifesti dell’esposizione fotografica di Letizia Battaglia, a Palazzo Reale ci osservano. Noi osserviamo loro, si entra ovviamente. Sale immense, scatti forti nei contenuti, si parla di Mafia, di omicidi, poi in altre sale, una Palermo quotidiana, ma non meno intensa degli scatti precedenti. Una mostra da vedere. Ambra ed io ci guardiamo e decidiamo che il prossimo “Step” sara’ Piazza Gae Aulenti. A piedi ci incamminiamo seguendo la voce del navigatore. Arriviamo in zona “Garibaldi”, imbocchiamo via Como ed infine eccola..la “UniCredit Tower”, con i suoi 231 metri di altezza alla guglia che ci osserva dall’alto.

Iniziamo a camminare sulla piazza, a provare a parlarci attraverso le trombe di ottone, che collegano il sottosuolo con la piazza, ridiamo, ci divertiamo con poco come sempre. Il Bosco verticale è un’altra meta da visitare. Un’altro “Flag” che stiamo mettendo sul nostro percorso.

Scende la sera, Ambra acquista una cioccolata calda che dividiamo, le torri che ci sovrastano iniziano a colorarsi,..le luci della notte. Tutto appare bellissimo. Sempre a piedi iniziamo ad avvicinarci alla Stazione centrale,illuminata dalle luci di color azzurro. Un ologramma della Tim, proiettato sulla facciata la rende ancora piu’ bella..

E’ gia’ arrivata sera, è gia’ arrivato il Freccia rossa che piu’ lentamente del previsto, causa un problema tecnico, ci riporta verso casa.

Ciao Milano, e’ solo un arrivederci a presto. Prossima tappa i navigli, il Mudec, un saluto a Francesca Laudisi e alla sua “Portineria 14”.

Ambra e Bruno nel viaggio – SCD Team